Soffitto

Servizio di rasatura soffitto

L’involucro dei vani della nostra casa è il soffitto che è rivestito dall’intonaco, materiale idoneo a trattare le pareti verticali ed orizzontali.
La tradizione costruttiva adopera l’intonaco come elemento principale e legno e piastrelle sono realtà ancora molto lontane per ricoprire le superfici alte delle nostre abitazioni. La rasatura di un soffitto si ritiene necessaria quando si verificano fenomeni di scrostamento dell’intonaco, situazione molto frequente nonostante l’intonacatura sia stata effettuata con perizia e a regola d’arte.
Fusha Color, specializzata a questo tipo di intervento appone due strati di intonaco sul soffitto, cioè quello rustico che funge da ‘fodera’ e quello a grana più fine che rende la superficie lucida, omogenea e liscia. Anche se l’intonacatura è eseguita perfettamente, alcune condizioni ambientali e climatiche fanno in modo che il muro del soffitto si scrosti e si deteriori ed occorre urgentemente un’opera di risanamento su tutta la superficie o un rappezzo su parte di essa. I nemici numero uno di questa condizione di degrado sono l’umidità e le condense ed entrambe sono dovute ad infiltrazioni d’acqua o a un cattivo ricambio d’aria negli ambienti.

Di solito, quando si verificano scrostamenti di intonaco in alcune zone ben delimitate della stanza da bagno, la formazione di umidità è dovuta all’anomalo funzionamento degli scarichi.
Anche se si interviene prontamente con un’opera di risanamento, è necessario andare alla fonte del problema prima di provvedere a stuccare il soffitto e ad intonacarlo altrimenti l’inconveniente si ripresenterebbe. Per quanto concerne le infiltrazioni di acqua piovana, essa si deposita nei vari strati dell’intonaco asciugandosi ma riproponendosi permettendo un distacco, una sfogliatura o un rigonfiamento degli strati. Solo una volta riparato il danno e fatta asciugare la zona da trattare, si può procedere ad intonacare il soffitto per intero o in una sola zona.

La manutenzione del soffitto è un lavoro necessario.

Se l’area da trattare prevede solo un semplice rappezzo, Fusha Color provvederà a circoscrivere l’area e a grattarla con apposite attrezzature per cominciare la rasatura e togliere lo strato di pittura deteriorato.
Solo una persona competente si può rendere conto se il fondo è ancora in buono stato o bisogna praticare un’opera di ripristino. Quando si preme con forza sulla superfici da rasare e questa fa resistenza, significa che il fondo non ha subito danni ingenti e si può procedere a stuccare quella parte senza pensare ad un ripristino totale. Solo in questo caso, Fusha Color rimetterà a posto soltanto lo strato di finitura.
Invece, se dopo un saggio meccanico si ritiene che l’intonaco non sia più in condizioni ottimali, bisognerà procedere ad una rasatura completa con successiva stuccatura e tinteggiatura. Tuttavia, anche se si vuole procedere al solo rappezzo occorrerà avvalersi di una vernice che si avvicini molto a quella già esistente altrimenti si rischia di notare una forte differenza con l’area non trattata.

L’imbianchino qualificato metterà a nudo mattoni o cemento allargandosi sui lati per almeno una decina di centimetri. L’operazione va svolta con la massima cautela perché si corre il rischio di lesionare le aree vicine al danno.  Per una perfetta rasatura del soffitto l’intonaco dovrà essere rimosso con l’apposita cazzuola ed uno scalpello inclinando la lama di quest’ultimo, rispetto alla superficie dove si intendere procedere. Una volta raggiunta la zona dei bordi questi andranno cosparsi con uno specifico sigillante per isolarli dalla nuova sostanza con cui verranno spennellati.

Intonacare il soffitto con le varie tecniche.

Esistono preparati premiscelati che servono ad applicare l’intonaco rustico in un solo ciclo di lavoro, ma l’imbianchno qualificato può confezionare autonomamente la miscela dopo aver valutato l’area da trattare, per farla corrispondere esattamente alla superficie da intonacare. Lo sparviere ed il frattazzo sono i due attrezzi basilari per compiere questa operazione ed il primo attrezzo andrà cosparso per metà con la malta presa dal contenitore di miscelazione, con l’aiuto del frattazzo. Affinché durante la fase di asciugatura del soffitto non si verifichino spiacevoli fenomeni di crepe o fessurazioni, il supporto va abbondantemente bagnato prima di applicare la quantità di malta necessaria.

L’operatore qualificato, con movimenti veloci ma decisi, stenderà la malta dal basso verso l’alto ed infine, liscerà la superficie intonacata con una tavola di legno per renderla compatta ed omogenea.
Dopo l’applicazione dell’intonaco rustico si dovrà lasciare asciugare il soffitto per almeno una giornata per poi spianare le eventuali imperfezioni con una cazzuola. L’ultima e definitiva operazione è l’intonacatura di finitura del soffitto che è la medesima di quella rustica con la sola differenza che il risultato finale dovrà apparire senza la minima imperfezione, per avere una basa perfetta da tinteggiare a seconda dei gusti del committente. L’uso di una pennellessa opportunamente inumidita permetterà alla superficie di uniformarsi adeguatamente.

La rasatura del soffitto è di basilare importanza per ottenere un ambiente salubre, ma soprattutto un lavoro che possa durare almeno tre anni.
È fondamentale che l’intervento sia eseguito da personale specializzato che lo effettui a regola d’arte ed utilizzando le regole corrette per un risultato finale soddisfacente.