Verniciatura a pennello Milano

verniciatura a pennelloFusha Color e la sua squadra di pittori e imbianchini è pronta a offrire un servizio completo, efficiente e colorato in ambito delle verniciature, sia a Milano che in Provincia.

Tra le tecniche a disposizione, la verniciatura a pennello è sicuramente quella più semplice da realizzare, ma per ottenere un risultato davvero professionale servirà la mano di un esperto. É possibile applicarla sulle pareti di casa, sui rivestimenti metallici o legnosi, per ridare vita a un vecchio mobile, a una ringhiera verniciata tempo addietro e molto altro ancora.

Per quanto ci siano tecniche più innovative o rapide, ad esempio il rullo, bisogna ammettere che il fascino del pennello rimanda molto alle opere d’arte. La mano del pittore-imbianchino, in questo caso, si vedrà con notevole differenza stilistica, perché la tradizionale verniciatura a pennello garantisce un risultato ottimale.  Le tipiche “bucciature” del rullo lasciano il posto a finiture lisce e perfette, che donano un aspetto lineare alla parete.

Qualunque sia il nuovo look che vorrete dare alla vostra casa, avrete a disposizione un arcobaleno di colori e un grande imbarazzo nella scelta delle vernici.                                                                                                          
 
I pennelli utilizzati per i muri sono generalmente di quattro tipi: tra i 10 e i 15 centimetri di larghezza per la totalità dei muri, pennellesse da 8×1,5 centimetri per i bordi, di tipo piatto da 3×1,5 per le rifiniture e il più piccolo da 25/27 millimetri servirà per occuparci degli angoli. Un lavoro minuzioso che inizia solo dopo aver passato il fissativo, aver messo al riparo tutto ciò che non bisogna pitturare e aver preparato la vernice. Il pittore dovrà creare a mente una suddivisione del muro in “virtuali” riquadri per procedere in maniera idonea. Per verniciare con il pennello, la pittura andrà stesa, inizialmente, in strisce verticali, da uniformare poi con pennellate orizzontali, ripetendo il procedimento più volte.
I vostri muri appariranno nuovi e perfetti in ogni dettaglio.

La ruggine è il primo nemico delle ringhiere e di qualunque altro manufatto in ferro, quindi un problema che accomuna tutti. É pur vero che una ringhiera delimita il balcone che tutti possono vedere anche da fuori, pertanto tenerlo in buone condizioni è un fatto di decoro imprescindibile. La verniciatura a pennello é una soluzione pratica e duratura, naturalmente comporta un pre-trattamento per la rimozione della ruggine, che solitamente può essere fatto con semplice carta vetrata o spazzole apposite, previo passaggio di prodotti anti-ruggine. Trascorse circa 24 ore avverrà l’essiccazione della ruggine e si potrà passare alla fase successiva di verniciatura.

 
La cosa fondamentale sarà posare la vernice in modo omogeneo creando la giusta protezione di cui necessita il ferro.
Si presta particolare attenzione alle parti orizzontali, perché sono quelle più attaccate dagli agenti atmosferici e più predisposte a usurarsi. Un pennello lungo con il manico pieghevole è idoneo per raggiungere le estremità più complicate e ottenere anche delle rifiniture altrimenti non previste.
Avrete, così, una ringhiera che sembrerà completamente nuova.

Qualunque sia la superficie da trattare, andrà preparata adeguatamente per accogliere la vernice e lasciare che penetri in profondità. In linea generale si procede in tal senso: si spolvera la zona con un panno asciutto e pulito, si passa una spugna umida imbevuta in acqua e sapone neutro e infine si eliminano sporgenze e asperità con la carta vetrata, o apposite spazzole, fino a levigatura completa. Se stiamo per verniciare con pennello un mobile di legno, é consigliato applicare un anti-tarme prima della pittura.

 
Con una procedura di preparazione compiuta bene, la verniciatura a pennello offrirà un risultato eccellente, sia da un punto di vista estetico, sia da un punto di vista funzionale. É protettiva, grazie alla pellicola che forma, facilmente lavabile, resistente all’usura e agli urti e nasconde le imperfezioni.

A volte guardiamo un vecchio mobile e lo troviamo talmente aggredito dal tempo e opacizzato, che l’unica cosa cui pensiamo è buttarlo. Esiste però una tecnica che riporterà alla luce il mobile, ridonandogli tutta la brillantezza perduta: la verniciatura gommalacca a pennello. Si tratta più che altro di una rifinitura, idonea quando il legno è sagomato oppure molto tenero (in caso contrario si dovrà applicare con tampone).

La gommalacca si applica con pennellate decise, uniformi e regolari, dopo aver imbevuto bene il pennello. Bisogna operare in ambienti asciutti, perché il freddo induce il legno alla formazione di zone più chiare che vanificherebbero tutta la verniciatura. Tre mani saranno sufficienti a lucidare il vostro mobile perché il pennello s’imbeve molto di più rispetto al tampone, di conseguenza non bisogna eccedere altrimenti si rischia una colorazione troppo scura e poco naturale.

Come abbiamo visto è possibile verniciare con pennello quasi ogni materiale, dagli oggetti meno importanti a quelli più pregiati, l’importante è non sottovalutare le fasi preliminari e quelle tecniche di stesura della vernice stessa. Le pareti di casa non potrebbero trovare alleato migliore di un pennello, se si tratta di rinnovarle con nuovi colori o ridare vita al colore preesistente, e non dimentichiamo quanto sia essenziale il pennello nelle opere di restauro.
Le rifiniture più articolate, e tutti quegli angoli che sembrano inarrivabili con altre tecniche, trovano in questa, una soluzione pratica e dal sapore unico tradizionale.